Agenzia Giornalistica - Savona Notizie Agenzia Giornalistica - Savona Notizie
11/12/2017
ASN online - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Agenzia quotidiana di informazioni e opinioni 
   Chi siamo      Servizi      Pubblicità      Per i vostri comunicati      Collabora      Lettere al direttore      Newsletter
Registrati
login:
password:
Hai dimenticato la password?
Attualità
Cronaca
Cultura
Curiosità
Dove andare
Gastronomia
Informatica
Musica
Politica
Racconti e poesie
Scadenze
Sport
AMICI DEL SASSELLO
 Associazione
 Biblioteca
 La Voce del Sassello
 Museo Perrando
Google

   BORSA
METEO

 

Argomento 'Museo Perrando'

Sezione preistorica
Data di pubblicazione: 01/01/2005
Il comprensorio del Monte Beigua che ha il suo centro maggiore nel comune di Sassello, e che, aprendosi dai contrafforti montuosi dell'appennino ligure, si sviluppa verso la piana piemontese, è stata una delle aree ad aver fornito in assoluto i primi reperti o strumenti preistorici conosciuti della Liguria.
Agli albori delle conoscenze sui nostri antenati, più o meno lontani nel tempo, è stato proprio questo territorio, con il Finalese, a fornire i primi sicuri indizi della loro presenza e ciò accadeva verso la metà del 1800.
Il merito di queste prime, importanti scoperte va attribuito a due ricercatori della zona che hanno iscritto il loro nome nella storia della paletnologia ligure creando anche due importanti collezioni che ancor oggi è possibile ammirare.
Si tratta del già citato Don P. D. Perrando e di Giambattista Rossi (1859-1909) che, nel corso delle ricerche sul territorio riuscirono a raccogliere alcune migliaia di manufatti.
Tutti i materiali furono poi descritti e documentati sia da A. Issel ("Liguria Geologica e Preistorica" 1882 e 1908 - "Collezione del sig. G. B. Rossi" 1893) che da N. Morelli ("Iconografia della Preistoria Ligustica" 1901).
Le illustrazioni delle opere sono dovute al Morelli che con grande padronanza dei mezzi tecnici ha fornito alcune delle più classiche illustrazioni di materiali preistorici, secondo un costume del momento che non aveva ancora dato molto spazio alla nascente tecnica fotografica.
I reperti di queste importanti collezioni si possono ancor oggi vedere in gran parte esposti nel Museo Archeologico di Genova-Pegli, alla Villa Durazzo Pallavicini, mentre qualche reperto si trova anche nel Museo di Paletnologia dell'Istituto di Geologia dell'Università di Genova.
Le raccolte più recenti, frutto del meticoloso lavoro di ricerca di superficie che da anni compie il Gruppo Ricerche del Museo Perrando, si trovano invece esposte in questa sezione.
Il lavoro di "survey" del G.R. ha finora interessato l’intero comprensorio, tra le località più significative segnaliamo, in ordine di ricchezza di materiale:
Grino, Albergare, Lavruti, Colletto inferiore, Montesavino, Serravello, Pianale per il comune di Sassello; Pian dei Buschi per il comune di Pontinvrea; Castellaccio per il comune di Giusvalla; Montebono per quello di Mioglia.
Il Paleolitico
Il comprensorio sassellese, o più generalmente l'area del Beigua, presenta, allo stato attuale delle conoscenze, testimonianze di frequentazioni relative a tutti gli aspetti nei quali vengono suddivise le culture paleolitiche.
In tutti i casi però si tratta di ritrovamenti sporadici o di superficie mentre manca ancora, nonostante il gran numero i reperti recuperati, un sito che da solo ci possa meglio far comprendere una particolare cultura.
Il Paleolitico antico o inferiore è rappresentato da una ventina di reperti fra i quali si segnalano un bifacciale della collezione Perrando, esposto in una riproduzione di resina (l'originale si trova all'Istituto di Geologia di Genova), ed alcuni manufatti attribuibili alle stesse culture, se non addirittura ad altre di maggiore antichità, trovati di recente dal G.R. del museo.
In particolare vanno citati un "chopper" (strumento in quarzite a grana fine, a tagliente convesso), alcune schegge, tra le quali vari coltelli, un épannelé (detto anche "nucleo a calotta") e un frammento prossimale di grande lama protolevalloisiana (quella di "levallois" era una particolare tecnica di scheggiatura della pietra dura secondo una successione predeterminata di operazioni).
Anche per quanto attiene al Paleolitico medio, si possono incontrare in letteratura alcuni esempi molto chiari poi confermati dai recenti ritrovamenti, che si riallacciano in modo molto chiaro alla cultura caratteristica dell’uomo di Neandertal ovvero quella "musteriana": raschiatoi, lame, punte e schegge "levallosiane".
Di tutti gli aspetti paleolitici quello di più difficile interpretazione è proprio quello del Paleolitico superiore, soprattutto tenendo conto dell'accertato aumento dei gruppi presenti. Forse ciò può essere attribuito a particolari situazioni locali o forse, più semplicemente, siamo ancora in attesa di individuare i luoghi precisi di frequentazione o di abitazione, visto che mancano le grotte che altrove identificano in modo immediato, un probabile luogo abitato nei tempi preistorici.
Sembrerebbero da attribuirsi a fasi del Paleolitico superiore o finale alcuni strumenti tipologicamente rappresentativi (grattatoi-bulini-perforatori-schegge) e del Mesolico (microbulini-trangoli-mezzaluna), dove forse già compaiono anche tipi propri delle culture della fase di passaggio fra quelle dei gruppi di cacciatori-raccoglitori paleolitici e le prime comunità che sul territorio hanno introdotto le importanti innovazioni dell'agricoltura e dell'allevamento.
Il Neolitico
La parte più consistente dei reperti raccolti dai vecchi ricercatori è certamente rappresentata proprio da manufatti di questo periodo.
Decine e decine di asce levigate in pietra verde di straordinaria fattura (tre esemplari sono riprodotti in una vetrina) che non hanno eguali nel panorama nazionale a testimoniare non solo un uso intenso di questo tipo di strumento ma anche una vera e propria produzione sistematica alla base di un probabile commercio, dato che ci troviamo al centro del "massiccio delle pietre verdi".
Recenti studi da parte di ricercatori francesi, hanno posto in evidenza il ruolo di probabile centro propulsore per tale materia prima per tutta l'area nordoccidentale, compresa parte della Francia sudorientale.
Mentre in questi luoghi nulla è stato ancora portato alla luce seguendo le precise indicazioni stratigrafiche di un sito individuato, ancora di recente il lavoro di "survey" del G.R. ha dimostrato che esistono sempre le possibilità di continuare a ritrovare manufatti anche di queste culture. Questo lavoro potrà in futuro permettere di individuare qualche sito preciso, nonché eventuali luoghi di approvvigionamento delle locali materie prime, che non dovrebbe essere difficile reperire, visto che in molti casi la scelta tecnica dell'uomo preistorico si rivolgeva verso le eclogiti e non su tutte le serpentine in modo indiscriminato.
Le vetrine rappresentano decine di manufatti di questo periodo, particolarmente significative le punte di freccia, specie la "flèche tranchante" con tagliente trasversale, alcune asce levigate, brunitoi e macinelli.
Sempre per la cultura neolitica una citazione particolare va fatta alla scoperta più importante dell'area del Beigua: la si deve a Mario Fenoglio, che da anni si dedica alla ricerca di manifestazioni preistoriche in questo territorio, specie sul versante costiero.
Si tratta di un riparo sottoroccia, posto in località Fenestrelle ad Alpicella (Varazze). Scavato nel corso di alcune campagne dal dott. G.P. Martino, ispettore della Soprintendenza, ha restituito importanti reperti che vanno dal neolitico medio alle età dei metalli.
L'età dei metalli
Giusvalla e Sassello sono i Comuni che hanno restituito le principali testimonianze di queste culture. Anche se non è stato ancora identificato alcun abitato dell'epoca, si tratta di quattro importanti ritrovamenti di oggetti in bronzo. Tutto il materiale (abilmente riprodotto in vetroresina) è esposto in una vetrina del museo,
Il primo è un ripostiglio rinvenuto nel 1934 presso Bric del Ciaz (Giusvalla) in circostanze ignote, del quale non si conosce neppure l’esatta composizione originaria. Si conservano al Museo Nazionale Archeologico di Torino i frammenti di almeno tre lame di spada e di un pugnale, un rasoio, quattro cuspidi di lancia, un puntale e un piccolo lingotto. Gli oggetti sono databili tra il Bronzo Tardo (XIII sec. a.C.) e l’inizio del Bronzo Finale (XII sec. a.C.); la deposizione sembrerebbe essere avvenuta in quest’ultimo periodo, cui vengono attribuite in particolare le cuspidi di lancia (Gambari e Venturino Gambari 1994). La presenza di oggetti frammentari, allo stato di rottami, rende ragione di una certa differenza di età dei reperti, che almeno in parte devono essere stati tesaurizzati in vista di un riciclaggio.
Il secondo e un ascia rinvenuta in epoca imprecisata in località Bastia Soprana (Sassello), che venne consegnata da un agricoltore della zona (Alessandro Zunino) al locale Museo Perrando all’atto della sua costituzione del 1967. L’ascia sembra da attribuire ad una variante arcaica del tipo Allevard, presente in Piemonte e nell’area alpina occidentale in contesti di Bronzo Recente e Finale, mostrando alcuni caratteri riscontrabili in esemplari del Bronzo Medio dell’Italia centrale (Del Lucchese 1983).
Infine, nel mese di giugno 1997 è stata rinvenuta (Biagio Piombo), in un’area non molto lontana dal precedente ritrovamento, un’ascia a margini rialzati (peso g 300 circa; lungh. cm 17 larghezza taglio cm 6; larghezza tallone cm 2; spessore max mm 8 circa). L’esemplare trova i migliori confronti in area transalpina occidentale nel tipo Neyruz variante B (Abels 1972: n. 125) e nella "forma Avançon" (Chardenoux, Courtois 1979: 40-41), riferibili ad una fase piena del Bronzo Antico (fine Bz Al/fase antica del Bz A2).
L’addensarsi di ritrovamenti di oggetti metallici dell’età del Bronzo in quest’area (Pare provenire dalla zona immediatamente a Nord di Sassello anche un altro reperto metallico: un’ascia a margini rialzati raccolta da contadini della zona e consegnata una trentina dì anni or sono a Tubino A., che la conservò a lungo nel Civico Museo di Masone, il reperto è attualmente in corso di studio.) potrebbe essere in relazione con la presenza di minerale di rame in loco, come suggerito dall’esistenza di miniere di rame ancora coltivate alcuni decenni orsono a poca distanza dai luoghi di ritrovamento (Foresta Deiva).
Alle età dei metalli in modo generico vanno poi riferite tutte le manifestazioni che da alcuni anni si vanno via accumulando e che anch'esse, per ora, mancano di un contesto archeologico chiaro che possa meglio attribuirle: si tratta di centinaia, forse migliaia, di incisioni rupestri (la sezione espone due pannelli fotografici, curati dalla prof.ssa B. Pizzorno), sparse su un territorio vastissimo del Monte Beigua, che vanno delineando un quadro, anche spazialmente, molto articolato e che in misura sempre più pressante stanno a dirci che questo comprensorio deve aver avuto nella preistoria una vicenda molto complessa e tutto sommato ancora ben lontana dall'essere conosciuta in tutti i suoi dettagli.
Stampa Torna alla home page
 ARCHIVIO
 
RICERCA IN ASN   
 
  FOTO GALLERIA
SCRIVI
(solo utenti registrati)
Opinioni
Commenti
Sfoghi
Racconti e poesie
Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Accetto Ulteriori informazioni

Privacy Copyrights © - ASN - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Tutti i diritti sono riservati
direttore responsabile: Gianpaolo Dabove - partita Iva 00874170095
  realizzato da Visiant Outsourcing