Agenzia Giornalistica - Savona Notizie Agenzia Giornalistica - Savona Notizie
11/12/2017
ASN online - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Agenzia quotidiana di informazioni e opinioni 
   Chi siamo      Servizi      Pubblicità      Per i vostri comunicati      Collabora      Lettere al direttore      Newsletter
Registrati
login:
password:
Hai dimenticato la password?
Attualità
Cronaca
Cultura
Curiosità
Dove andare
Gastronomia
Informatica
Musica
Politica
Racconti e poesie
Scadenze
Sport
AMICI DEL SASSELLO
 Associazione
 Biblioteca
 La Voce del Sassello
 Museo Perrando
Google

   BORSA
METEO

 

Argomento 'Attualità'

Gli animali entrano in ospedale, succede al San Paolo di Savona
Data di pubblicazione: 04/10/2015
Gli animali entrano in ospedale, succede al San Paolo di Savona Finalmente gli animali entrano nell’ospedale San Paolo di Savona per “curare” il padrone ricoverato. E’ accaduto in questi giorni, quando l’amata cagnetta ha potuto visitare l’amata padrona, ricoverata nel reparto Rianimazione.

E’ il primo risultato di un lungo lavoro propositivo intrapreso da circa 4 anni dai volontari della Protezione Animali savonese, che avevano inviato alla direzione dell’Asl2 la richiesta con una bozza di regolamento che, grazie all’allora direttore della S.C. Comunicazione dottor Carozzino era stata distribuita per commenti ai responsabili dei vari reparti ospedalieri, comprese le strutture di Albenga, Cairo e Pietra ligure. Nei giorni scorsi la prima reale applicazione, per la quale Enpa Savona esprime vivo ringraziamento al responsabile del reparto.

Questi i principali adempimenti previsti nella bozza di regolamento presentata dall’Enpa savonese:

- Richiesta preventiva avanzata al medico responsabile del reparto (almeno 24 ore prima della visita);

- Possesso ed eventuale esibizione dei certificati vaccinali, dell’assicurazione e, per i cani, dell’iscrizione all’anagrafe canina;

- Presentazione di un certificato di buona salute dell’animale redatto da un medico veterinario almeno 15 giorni prima della visita;

- Consenso all’accesso da parte dei compagni di stanza;

- Corretta detenzione degli animali durante la visita (guinzaglio e museruola per i cani, trasportino per i piccoli soggetti domestici) e possesso dei materiali per la raccolta delle eventuali deiezioni (sacchetti monouso per i cani e telini monouso assorbenti per gli altri animali).

La presenza di animali domestici negli ospedali e nelle case di riposo, con finalità curative (pet therapy), è ormai una realtà consolidata, condivisa e proposta dal mondo medico scientifico fina dal 1960 ad opera del dott. Levinson, padre della pet–therapy, in cui la visita di un cane o di un gatto al proprietario ricoverato dovrebbe essere ritenuta un momento essenziale di tale terapia.

In Liguria l’accesso agli animali domestici negli ospedali è già consentito dall’Asl4 Chiavarese e a San Martino. Enpa spera che diventi realtà anche a Santa Corona, dove un gruppo di medici ed infermieri sta lavorando alla realizzazione del progetto. In alcune strutture operatorie e d’urgenza in linea di massima l’accesso agli animali non è mai permesso.


Fonte Enpa

Stampa Torna alla home page
 ARCHIVIO
 
RICERCA IN ASN   
 
  FOTO GALLERIA
SCRIVI
(solo utenti registrati)
Opinioni
Commenti
Sfoghi
Racconti e poesie
Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Accetto Ulteriori informazioni

Privacy Copyrights © - ASN - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Tutti i diritti sono riservati
direttore responsabile: Gianpaolo Dabove - partita Iva 00874170095
  realizzato da Visiant Outsourcing