Agenzia Giornalistica - Savona Notizie Agenzia Giornalistica - Savona Notizie
12/12/2017
ASN online - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Agenzia quotidiana di informazioni e opinioni 
   Chi siamo      Servizi      Pubblicità      Per i vostri comunicati      Collabora      Lettere al direttore      Newsletter
Registrati
login:
password:
Hai dimenticato la password?
Attualità
Cronaca
Cultura
Curiosità
Dove andare
Gastronomia
Informatica
Musica
Politica
Racconti e poesie
Scadenze
Sport
AMICI DEL SASSELLO
 Associazione
 Biblioteca
 La Voce del Sassello
 Museo Perrando
Google

   BORSA
METEO

 

Argomento 'Politica'

La Regione Liguria dice sì alla Centrale Tirreno Power
Data di pubblicazione: 24/12/2011
La Regione Liguria dice sì alla Centrale Tirreno Power Sì della Regione Liguria al progetto di ristrutturazione della centrale a carbone Tirreno Power, con il nuovo gruppo da 460 MW, previo rilascio da parte del Ministero dell’Ambiente dell’Autorizzazione integrata ambientale per i due gruppi esistenti da 300 MW.

Il rilascio di questa autorizzazione dovrà portare a un sensibile miglioramento dell’ambiente e nuove risorse da subito, attraverso una convenzione con l’azienda, per migliorare la rete di controllo pubblico dell’impianto attraverso Arpal e la stessa Regione Liguria e gli enti territoriali.
In particolare, con la delibera approvata nel primo pomeriggio dalla giunta Burlando , si autorizza la costruzione del nuovo gruppo da 460 MW e la ricostruzione integrale dei vecchi impianti.

All’entrata in esercizio della nuova unità , uno dei due vecchi gruppi esistenti dovrà essere infatti spento e ricostruito pressoché totalmente. L’impianto potrà essere riavviato con gli stessi limiti di emissioni previsti per quello da 460 MW.

Il sì della Regione Liguria al progetto Tirreno Power è legato all’istituzione, da parte della Regione Liguria, di un Osservatorio Ambientale composto dai comuni, dalla Provincia di Savona e dagli enti competenti in campo ambientale e sanitario. La nascita dell’Osservatorio è stata concordata dalla Regione Liguria con il Ministero dell’Ambiente e l’Istituto Superiore di Sanità.

La convenzione con Tirreno Power prevede risorse per 8,5 milioni di euro, da destinare a interventi in materia ambientale. La cifra comprende 1 milione di euro da ripartire fra i comuni di Vado Ligure e Quiliano, in rapporto all’energia prodotta dal nuovo gruppo della centrale nei primi tre anni di esercizio. Fra gli impegni richiesti dalla Regione Liguria a Tirreno Power anche la copertura del carbonile della centrale.

Questi i primi commenti dei firmatari dell'accordo (nella foto):

“Siamo passati da un progetto iniziale da 600 milioni, nell’aprile del 2007, che prevedeva l’utilizzo delle più moderne tecnologie impiantistiche e il completamento dei lavori in 5 anni – ha sottolineato l’amministratore delegato di Tirreno Power, Giovanni Gosio – ad un intervento ben più radicale, che vale 1.200 milioni e richiederà 11 anni di cantiere, con il rifacimento integrale anche dei vecchi impianti, che saranno portati ai più elevati livelli di efficienza. Il risultato sarà che avremo una centrale integralmente nuova, con un impatto ambientale ridotto del 70% rispetto alla situazione attuale”.

“Questo è uno di quei rari momenti in cui è forte la sensazione di assistere a una svolta – ha detto il presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale -. Approviamo un investimento decisivo per la nostra economia, avendo di fronte un 2012 che ci darà grandi preoccupazioni ma che ora ci offre anche delle prospettive concrete e rilevanti, per l’intera economia locale. Solo nelle attività di cantiere sarà impegnata una forza lavoro con punte di mille persone: significano mille famiglie che vivranno qui, producendo reddito e alimentando consumi”.

“Ci avviamo alla conclusione della fase del confronto e della discussione per passare a quella funzionale all’avvio dell’intervento – ha aggiunto l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Renzo Guccinelli -. Firmiamo un accordo per il lavoro nello stesso giorno in cui la Giunta regionale è chiamata ad approvare la delibera che consentirà al ministero di concludere l’iter autorizzativo per Tirreno Power. E’ stato un percorso lungo, difficile, contrastato, a volte alto nei toni, ma il risultato è ottimo perché coniuga due cose spesso ritenute inconciliabili, lavoro e ambiente. La qualità ambientale migliorerà in modo rilevantissimo: con l’azienda abbiamo tirato la corda al massimo per avere limiti di emissioni molto più restrittivi rispetto a quanto richiesto dalla legge. E senza andare oltre la legge, oggi firmiamo un’intesa che consoliderà i rapporti tra Tirreno Power e il sistema delle imprese liguri, a cominciare da Ansaldo Energia e dalle altre aziende del territorio che si candideranno come fornitori”.

“All’assemblea 2010 dell’Unione Industriali – ha ricordato il presidente della Provincia, Angelo Vaccarezza – gli imprenditori affermarono che, qualora la politica avesse svolto fino in fondo il proprio ruolo, c’era la possibilità di avviare investimenti per 2,5 miliardi sul territorio savonese. Oggi è una giornata in cui la politica può dire di aver compiuto fino in fondo il proprio compito, perché siamo sul punto di arrivare a quella cifra e anche di superarla. Non siamo schierati dalla stessa parte, ma per una volta mi sento di affermare che la Regione ha lavorato bene”.


gidi
Stampa Torna alla home page
 ARCHIVIO
 
RICERCA IN ASN   
 
  FOTO GALLERIA
SCRIVI
(solo utenti registrati)
Opinioni
Commenti
Sfoghi
Racconti e poesie
Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Accetto Ulteriori informazioni

Privacy Copyrights © - ASN - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Tutti i diritti sono riservati
direttore responsabile: Gianpaolo Dabove - partita Iva 00874170095
  realizzato da Visiant Outsourcing