Agenzia Giornalistica - Savona Notizie Agenzia Giornalistica - Savona Notizie
13/12/2017
ASN online - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Agenzia quotidiana di informazioni e opinioni 
   Chi siamo      Servizi      Pubblicità      Per i vostri comunicati      Collabora      Lettere al direttore      Newsletter
Registrati
login:
password:
Hai dimenticato la password?
Attualità
Cronaca
Cultura
Curiosità
Dove andare
Gastronomia
Informatica
Musica
Politica
Racconti e poesie
Scadenze
Sport
AMICI DEL SASSELLO
 Associazione
 Biblioteca
 La Voce del Sassello
 Museo Perrando
Google

   BORSA
METEO

 

Argomento 'Racconti e poesie'

'Delfino’, racconto di un lettore
Data di pubblicazione: 08/09/2006
'Delfino’, racconto di un lettore L’altro giorno, su rai3, ho visto un servizio sui delfini e la mente è corsa a ricordi che mi hanno fatto venire la pelle d’oca. Ho pensato di dividerli con voi. Perciò o andate avanti a leggere o tacete per sempre!

Il luogo è lo scoglio di Lampione a poche miglia a ponente di Lampedusa, siamo nei primi anni ’90, ma non importa!
E’ una stupenda giornata di inizio estate. Mare calmo stile tavola, il sole è caldo ma non fastidioso, l’acqua è eccezionalmente calda e trasparente.

Partiamo in due disperati dal porto di Lampedusa con l’intenzione di arrivare a Pantelleria con una barca piuttosto grossa, un Bavaria da 48 piedi a vela. C’è poco vento, ma che importa, abbiamo tutto il tempo che vogliamo e poi l’atmosfera è magica. Appena lasciamo la costa di Lampedusa già vediamo lo scoglio di Lampione all’orizzonte, comodo, così possiamo puntare la prua a occhio senza guardare la bussola per sapere dove stiamo andando.

Siamo rilassati, abbiamo staccato la spina, i problemi erano rimasti a casa e dovevamo solo pensare a oggi senza preoccuparci di ieri e di domani, il massimo!
Giorgio, il mio partner, è skipper professionista, io sono sub dilettante, ma entrambi siamo amanti professionisti del mare.

La randa e il genoa grande ci fanno avanzare piano ma incessantemente, ogni tanto sbattono, non sarà “velicamente corretto” ma chi se ne frega. Un paio di ore a siamo sotto la costa di Lampione. Mi alzo dal pozzetto, butto lo sguardo altre la falchetta della barca e guardo giù, vedo il fondo, l’occhio corre all’ecoscandaglio, 32 metri! Madonna che acqua! E allora scatta il sub, non riesco a fare a meno di desiderare di immergermi.

Fondo all’ancora, muta; quella tre millimetri con il neoprene fra un buco e l’altro, la bombola, già armata, è assicurata con una cima in coperta, butto tutto sul tender che ci segue fedele come un cagnolino, metto in moto il motore e vado sulla costa, trovo un moletto semi diroccato che probabilmente serve ai fanalisti per controllare il funzionamento del faro, do volta alla cima di prua, mi butto le bombole sulle spalle, do un’ultima occhiata alla mia bambina (la macchina fotografica) e mi butto.
Mar Rosso? Ma che è? Lì era mille volte meglio! Giro un po’, fotografo un po’ di pesci e un po’ di ambiente, 37 scatti, 30 minuti sotto, quota massima: 28 metri, eccitazione massima: infinita, ma non è ancora niente!

Risalgo, con la stupenda agilità che mi contraddistingue, riesco in un attimo a riguadagnare il gommone (tempo impiegato circa un quarto d’ora!), metto in moto, mollo la cima a prora e comincio a dirigere verso il Southern Comfort (il nome della barca di Giorgio), e proprio allora mi accade una delle cose più sconvolgenti che abbia mai vissuto.
Si affianca a dritta un delfino, nuota lentamente mantenendosi esattamente al mio fianco a meno di mezzo metro dal gommone. Fermo l’elica per paura di ferirlo, e lui gira la testa, quasi infastidito, mi guarda, da un colpetto di coda, mi passa di prua, mi gira intorno e si ripresenta a dritta, si struscia contro il gommone, io allungo la mano e la faccio scorrere dal muso sino alla coda stringendogli un po’ la pinna dorsale.

Non riesco a credere a quello che mi sta capitando. Ho paura a parlare, a respirare, a muovermi. Il nostro gioco va vanti per una mezz’oretta, io mi sto avvicinando alla barca spinto dalla brezza di maestrale, lui mi gira intorno, mi guarda, si fa accarezzare. Urto con la prua la fiancata della barca, Giorgio si sveglia dalla sua dormitina in pozzetto quasi scocciato, il mio amico acquatico si gira a pancia in su, mi da una guardata nel profondo degli occhi che mi è sembrato volesse dire : <<Ciao amico, buon vento!>>, da un energico colpo di pinna e se ne va dove io vorrei accompagnarlo.

Poi la barca è ripartita, è arrivata a Pantelleria, c’è stata una settimana, da li è andata a Mazara e via, sempre più a nord, ma il mio spirito è rimasto a Lampione, in quella giornata magica che, quando la ricordo, mi fa salire le lacrime agli occhi e il cuore diventa piccolo piccolo.

Ecco è tutto qui, ma ci tenevo a dividerlo con voi, è il mio tesoro nascosto!
Sinceramente vi auguro di potere vivere quello che ho vissuto io, giuro fa cambiare l’ottica della vita.


Raoul
Stampa Torna alla home page
 ARCHIVIO
 
RICERCA IN ASN   
 
  FOTO GALLERIA
SCRIVI
(solo utenti registrati)
Opinioni
Commenti
Sfoghi
Racconti e poesie
Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Accetto Ulteriori informazioni

Privacy Copyrights © - ASN - Agenzia Giornalistica SavonaNotizie - Tutti i diritti sono riservati
direttore responsabile: Gianpaolo Dabove - partita Iva 00874170095
  realizzato da Visiant Outsourcing